La nuova arrivata nel segmento leisure del cantiere francese Jeanneau è una barca davvero unica nel suo genere tra quelle in esposizione alla Milano Yachting Week. Il Jeanneau Yachts 60 è  un 60 piedi a prua rovesciata con un baglio massimo importante, e tanto spazio nel garage di poppa per stivare un tender fino a 3 metri. E gli interni? La parola d’ordine è personalizzazione, vi spieghiamo perché questa barca è di fatto una semi-custom.

Presentato solo pochi mesi fa, questo yacht partorito dalla matita del veterano Philippe Briand, con gli interni di Andrew Winch, si colloca con prepotenza nella fascia premium degli yacht prodotti dal cantiere francese, con delle caratteristiche uniche.

Perché gli interni del Jeanneau Yachts 60 sono unici

Con i suoi circa 19 metri e un baglio massimo di oltre 5 metri, il Jeanneau Yachts 60 si presta ad un’interpretazione molto confortevole degli spazi, ben illuminati dalla luce naturale. La possibilità offerta in fase di acquisto consente di all’armatore di scegliere tra ben 19 layout diversi, dividendo gli interni in 3, 4 5 o persino 6 cabine! La particolarità più curiosa di questa barca riguarda la cabina armatoriale di prua, che in 5 minuti può trasformarsi in una doppia cabina matrimoniale. Come? La paratia centrale si allontana in uno spazio di stivaggio dedicato, senza bisogno di attrezzi o hardware, per trasformare il layout della barca.

Scopri tutte le caratteristiche del Jeanneau Yachts 60

Il Jeanneau Yachts 60 è in esposizione nello stand del broker 43° Parallelo, la realtà con sede a Marina di Scarlino che è tra i concessionari ufficiali del cantiere francese, offrendo assistenza completa nella scelta e nell’acquisto della nuova barca, e supporto post vendita a 360°.

Non vi resta poi approfondire con un responsabile del dealer o prenotare una visita tramite una mail o un whatsapp, nello stand trovate il pulsanti per attivare il contatto con un click.

CLICCA QUI ED ESPLORA SUBITO LO STAND DI JEANNEAU BY 43° PARALLELO ALLA MILANO YACHTING WEEK

Federico Rossi
Author:Federico Rossi